Progetti

Progetto “Sperimentazione di trattamenti nanostrutturati con proprietà antipolvere”

su incarico della ditta DETECO s.r.l. di Porcia (PN), Decr. Finanziamento n. 3521 dd. 19 ottobre 2015, Regione Friuli Venezia Giulia LR 3/2015 art. 32, comma 1– Contributi a favore delle imprese appartenenti al settore dell’elettrodomestico e della relativa filiera produttiva per progetti di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione.

 

Progetto “Sperimentazione di innovativi nanomateriali per la sanificazione delle superfici metalliche”

su incarico della ditta ECODUE s.r.l. di Porcia (PN), Decr. Finanziamento n. 3521 dd. 19 ottobre 2015, Regione Friuli Venezia Giulia LR 3/2015 art. 32, comma 1– Contributi a favore delle imprese appartenenti al settore dell’elettrodomestico e della relativa filiera produttiva per progetti di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione.

 

Progetto “Ricerca di componenti nanostrutturati per incrementare la durata degli stampi per termoplastici”

su incarico della ditta DELLE VEDOVE ADELCHI S.N.C. di Brugnera (PN), con la collaborazione del Dipartimento di Fisica dell’Università di Modena, Decr. Finanziamento n. 3521 dd. 19 ottobre 2015, Regione Friuli Venezia Giulia LR 3/2015 art. 32, comma 1– Contributi a favore delle imprese appartenenti al settore dell’elettrodomestico e della relativa filiera produttiva per progetti di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione.

 

Progetto di Ricerca “Sperimentazione di trattamenti conservativi innovativi basati su nanotecnologie per la protezione di materiali lapidei naturali”

in collaborazione con il Centro Interdipartimentale “Laboratorio di Ricerca per la Diagnostica dei Beni Culturali” dell'Università degli Studi di Bari.

 

Progetti E.U.

 

FeEL EWos "Le Famiglie Vivono la Settimana Europea dello Sport" 

ENTE FINANZIATORE: Commissione Europea, Programma Eramus+, Azione SPORT: eventi sportivi europei senza scopo di lucro

OBIETTIVI GENERALI: L’obiettivo principale del progetto è l’organizzazione di un evento sportivo senza scopo di lucro per bambini di età compresa tra 6 e 14 anni, condotto simultaneamente in sei paesi europei (Italia, Croazia, Islanda, Portogallo, Spagna e Turchia) durante la settimana europea dello sport (EWoS), 19-25 Settembre 2016. Il progetto prevede che 12.000 bambini seguano seminari sui temi promossi dall’EWoS (inclusione sociale, pari opportunità, attività fisica a vantaggio della salute, aumento della partecipazione allo sport, e la parità di accesso allo sport) e svolgano diverse attività sportive. Durante la stessa settimana sarà organizzato un “Festival Sportivo e Ricreativo per le Famiglie” per coinvolgere i membri delle famiglie (almeno altre 24.000 persone). Inoltre, il coinvolgimento di circa 180 volontari, i cosiddetti “Ambasciatori dello sport”, aiuterà logisticamente lo svolgimento delle attività previste e renderà ancora più diffuso il concetto che l'esercizio fisico è fondamentale per una buona qualità della vita.

RISULTATI ATTESI: I risultati ottenibili dal progetto porteranno un notevole contributo per la promozione delle attività di volontariato nello sport, insieme con l'inclusione sociale, le pari opportunità e la consapevolezza dell'importanza dell'attività fisica a vantaggio della salute attraverso una maggiore partecipazione.

PARTNERS: Università: eCampus University (IT); University of Split (HR).
ONG: International Sports Studies Association (TR); Krefjandi (IS).
Associazioni sportive: Club Sport Asociation Servitenis (ES); University Basket Club Albacete´S Campus (ES); Albacete Basketball Schools (ES); Club Athletics Albacete (ES); Swimming club FORCA for persons with disabilities (HR); Athletic club Srce for persons with disabilities (HR); Table tennis club for persons with disabilities "RIJEKA" (HR); Gazi University Foundation Private Schools Association of Youth and Sports Club (TR); Associação de Futebol Amador de Lousada (PT); CRACS - Coletividade Recreativa de Ação Cultural de Sousela sport club (PT); IR Reykjavik Sport Club (IS); ASD Sporting club (IT).
Scuole: CEIP San Fulgencio (ES); IES Amparo Sanz (ES); Diocesano School of Albacete (ES); Javier Villalba Garcia School (ES); Public School Of Primary And Infant Of Albacete (ES); Elementary school Srdoči (HR); Elementary school Gornja Vežica (HR); Elementary school Sveti Matej (HR); Feride Bekçioglu Secondary School (TR); Gazi University Foundation Private Secondary School (TR); Agrupamento de Escolas de Dr. Mário Fonseca (PT); Elementary school of Seltjarnarnes (IS); Elementary school of Garðabær (IS).
Organizzazioni pubbliche: Municipality of Albacete (ES); Governorship of Ankara (TR); Municipality of Lousada (PT).
Federazioni sportive: Rijeka Sports Association For Persons With Disabilities (HR); Turkish Athletics Federation (TR).


RUOLO DELLO IEMEST: Responsabile del progetto, lo IEMEST coordinerà tutte le attività nei 6 differenti paesi europei. Inoltre, formerà gli ambasciatori dello sport durante il workshop internazionale che si terrà Palermo.

 Hydroenergy 

hydroenergyENTE FINANZIATORE: POR FESR Sicilia 2007-13, Linea di intervento 4.1.1.1., E.U.

OBIETTIVI GENERALI: Il progetto punta alla progettazione e alla realizzazione di prototipi di impianti idroelettrici basati sul recupero dell’energia dissipata e, dunque, alla diffusione d’impianti per la trasformazione di energia rinnovabile in energia elettrica per soddisfare il fabbisogno energetico regionale attraverso l’ottimizzazione dello sfruttamento di fonti di energia alternative già esistenti.

RISULTATI ATTESI: I risultati ottenibili dal progetto porteranno un notevole contributo ad un nuovo modello di produzione di energia elettrica. Esso prevede un schema tecnologicamente innovativo di rete intelligente da applicare a livello locale, in grado di accogliere e ridistribuire i flussi di energia che provengono dalle centraline di produzione idroelettrica alimentate con fonti energetiche rinnovabili.

PARTNERS: Onda Energia s.r.l., Italia; Siritec s.r.l., Italia; Proxima s.r.l., Italia; Università di Palermo Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: Nell’ambito del progetto allo IEMEST sono affidate l’individuazione dei parametri ambientali e infrastrutturali utili alla progettazione di massima degli impianti e le attività per la realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale.

 

 

 Cyber Brain (Polo di Innovazione Cyber Brain) 

brain 1ENTE FINANZIATORE: PON «Ricerca e Competitività» 2007-2013, Linea di intervento 4.1.1.4., E.U.

OBIETTIVI GENERALI: Realizzazione di una piattaforma biotecnologica collocata nelle Regioni Campania e Sicilia da dedicare alla neuro-cibernetica, che consentirà a regime lo sviluppo di dispositivi impiantabili e di neuroprotesi per lo studio di varie patologie neurodegenerative.

RISULTATI ATTESI: Il progetto di potenziamento strutturale è volto alla realizzazione di una infrastruttura di eccellenza nel mezzogiorno, di livello internazionale, con l’obbiettivo anche di creare nuovi mercati ancora inesplorati. La struttura, infatti, a regime consentirà l’operatività di un polo di innovazione specializzato nello sviluppo di dispositivi impiantabili e di neuroprotesi che possano acquisire e trasmettere segnali neurali al fine dello studio di varie patologie neurodegenerative. Tali attività saranno strettamente connesse allo studio di protesi cerebrali con forte scala di miniaturizzazione che in modalità wireless saranno utilizzabili per il monitoraggio invasivo di pazienti affetti da patologie cerebrali. Al progetto di potenziamento è stato correlato un organico progetto di formazione che mira alla creazione di figure professionali specializzate nei settori trasversali di operatività del Polo.

PARTNERS: Fondazione NEUROMED, Italia; Fondazione NEURONE, Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: lo IEMEST sta costituendo un Laboratorio avanzato di Neuroanatomia destinato al collaudo dei dispositivi elettrocorticografici impiantabili in vivo su cavia e allo studio degli effetti dell’impianto, in particolare per la verifica in vitro, su colture neuronali anche 3D, e in vivo, “post-mortem”, della biocompatibilità e bioassorbibilità dei materiali impiegati. Nel Laboratorio di Neuroanatomia saranno installate le apparecchiature di ricerca avanzate.

 

 

PERIMA (Produzione Eolica con Ridotto Impatto Ambientale)

PERIMAENTE FINANZIATORE: Linea di intervento 4.1.1.1 del POR FESR Sicilia 2007-2013, E.U.

OBIETTIVI GENERALI: Progettazione e realizzazione di pali automontanti, che possano essere alzati ed abbassati facilmente e con notevole frequenza quali elementi di sostegno di aerogeneratori mini eolici, al fine di ridurre l’impatto ambientale, in zona a vocazione turistica.

RISULTATI ATTESI: Individuazione di un sistema di scorrimento tra gli elementi di sollevamento che garantisca la dovuta rigidità del sistema in fase di sollevamento ed a massima elevazione. Individuazione e sperimentazione di un sistema di sollevamento che garantisca ripetitività ed affidabilità nelle manovre di sollevamento.

PARTNERS: Università di Palermo, Italia; Elettrocostruzioni s.r.l., Italia; ONDA s.r.l., Italia; IMAM Ambiente s.r.l., Italia; SIRITEC s.r.l., Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: Analisi dei parametri misurati durante il funzionamento del prototipo, monitoraggio della sperimentazione industriale e ricerca delle modifiche ottimali da applicare al prototipo durante le fasi di realizzazione e sperimentazione. Ricerca fondamentale sulla ventosità siciliana. Studi ed elaborazioni finalizzati alla ricerca fondamentale concernente la dinamica dei venti in Sicilia, con particolare riferimento alla loro distribuzione temporale, anche in periodi notturni ed alla loro variabilità alla scala dei tempi brevi necessari ad operare variazioni di altezza del palo. Ricerca fondamentale sulle problematiche relative al sollevamento di grandi carichi, alla sollecitazione a flessione di elementi strutturali giuntati, alla trivellazione di pozzi di fondazione con elevata verticalità, alle sollecitazioni strutturali ed al rumore prodotti da un’elica bipala e da una tripala e più in generale al buon funzionamento del prototipo.

 

 


Altri Progetti

 3D-CUBRO-SPACE (Three-Dimensional CUlture of BROnchial mucosa in microgravity: a new model to study respiratory cell differentiation and stress during SPACE-flight) 

NASAENTE FINANZIATORE: European Space Agency (ESA) e National Aeronautic and Space Administration (NASA).

OBIETTIVI GENERALI: Questo progetto, presentato sul bando dell’Agenzia Spaziale Europea “International Space Life Sciences Research Announcement 2014” (ILSRA-2014), prevede una fase preliminare, a terra, in cui i campioni saranno preparati ed adattati all'International Space Station (ISS), che sarà svolta dai partner Americani, seguita da esperimenti sull'ISS, al termine dei quali i campioni saranno analizzati dai quattro gruppi con base in Europa al fine di studiare differenti aspetti cellulari e biomolecolari. Le ricerche cominceranno nel 2016 ed è previsto che terminino nel 2020.

RISULTATI ATTESI: Il progetto vuole dare un significativo e importante contributo alla conoscenza degli effetti dell’assenza di gravità sull’apparato respiratorio, e i risultati avranno ricadute per i successivi viaggi nello spazio, incluse le previste missioni dell’uomo sul pianeta Marte; inoltre, l’innovativo modello cellulare proposto e sperimentato potrà avere applicazioni nello studio dell’assenza di gravità anche in altri distretti anatomici.

PARTNERS: University of Southampton (UK), Leiden University Medical Centre (The Netherlands), Università di Palermo (Italy), University of Texas Medical Branch (UTMB) at Galveston (TX, USA), Wyle Laboratories (FL, USA), e National Aeronautic and Space Administration (NASA).

RUOLO DELLO IEMEST: Indagini sui campioni dopo il loro rientro sulla Terra: analisi morfologiche e dei livelli, dell’espressione e della localizzazione cellulare e subcellulare delle proteine da stress.

 

 DIREF (Citrus tristeza virus e Huanglongbing: sviluppo di tecniche di Difesa integrata, Rapida, Efficiente e di Facile utilizzo) 

DIREFENTE FINANZIATORE: Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Italia

OBIETTIVI GENERALI: Il progetto si propone di mettere a punto tecniche di diagnosi innovative e metodi di contenimento efficaci nei confronti dei due più temibili patogeni degli agrumi, Citrus tristeza virus - CTV e Huanglongbing - HLB, da poter essere utilizzati direttamente in vivaio ed in campo e quindi di conseguenza metodi di facile utilizzo da parte del personale non altamente qualificato che possano servire per il contenimento di queste due malattie. CTV risulta essere presente nel territori italiano già dal 2002, mentre HLB non risulta essere presente ne in Italia ne in Europa. Alcuni esperimenti saranno effettuati presso L'università Politecnica de Valencia in quanto questa struttura dispone di un laboratorio da quarantena per patogeni vegetali. Il progetto avrà durata biennale, gli enti coinvolti collaboreranno per mettere a punto le tecniche di diagnosi e testarle direttamente in vivaio. saranno testati alcuni prodotti repellenti per gli insetti vettori dei due patogeni e saranno predisposte delle screenhouse con differenti tipi di reti al fine di individuare mediante appositi sensori il microclima idoneo per lo sviluppo delle piante di agrumi sotto rete.

RISULTATI ATTESI: Sviluppo di una tecnica di diagnosi rapida e sensibile. si cercherà di ottenere il risultato dell'analisi entro 4 ore con una sensibilità di almeno 1000 volte superiore ad un normale test DAS-ELISA. Il metodo e le sonde ottenute saranno oggetto se ritenuto opportuno di brevetto. Sarà sviluppato il protocollo più idoneo di lotta integrata ai vettori di queste due malattie al fine di permettere alle piante di agrume di espletare le loro funzioni biologiche anche sotto serra.

PARTNERS: Università degli Studi di Catania, Italia; Molecular Dynamics s.r.l., Italia; Vivai Chiarello Fabio, Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: Capofila e coordinatore del progetto. Lo IEMEST metterà a punto il metodo di diagnosi che si baserà sul sistema dell'ibridazione a flusso con differenziale termico elevato e saranno sintetizzate delle polisonde specifiche per i due patogeni; in particolare sarà sintetizzata una polisonda costituita da sei tratti di cDNA che conterranno 3 tratti del gene p20 di CTV dei 3 differenti biogruppi con particolare attenzione agli isolati T385, T36 e SY568 e 3 tratti di un gene da individuare di HLB che conterranno i tre biotipi riferibili a Candidatus Liberibacter africanus, Candidatus Liberibacter asiaticus e Candidatus Liberibacter americanus.

 

 CEGEF (Construction of Electricity Generation Energy Facilities) 

CEGEFENTE FINANZIATORE: Ministero dell’Energia della Repubblica Serba, Serbia

OBIETTIVI GENERALI: A seguito della pubblicazione del bando di gara, da parte del Ministero dell'Energia, dello sviluppo e della Protezione Ambientale, della repubblica Serba, lo IEMEST è affidatario delle attività di: progettazione, ricerca ed esecuzione di cinque impianti idroelettrici (per una potenza di 4 MW) in Serbia, ricadenti nei territori di Tutin e Ivanjica.

RISULTATI ATTESI: Individuazione di soluzioni tecnologiche innovative per la produzione di energia idroelettrica, mediante l’impiego di apparecchiature elettromeccaniche dedicate ad alto rendimento produttivo. Gli impianti oggetto d’interesse presentano le seguenti caratteristiche:

Nome

DUBRAVA

CRKVINE

JELICE

KOLONIJA

STRAGACINA

Potenza

138 kW

150 kW

214 kW

2300 kW

260 kW

Produzione

628 MWh

683 MWh

974 MWh

6058 MWh

1137 MWh

Incentivo

0,124 €/kWh

0,124 €/kWh

0.123 €/kWh

0,099 €/kWh

0,120 €/kWh



PARTNERS: ONDA Energia srl, Italia, Studio Galli Ingegneria S.p.a., Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: Ricerca e Innovazione

 

 

 NHAM (Novel Heterocyclic Antibacterial Molecules) 

NHAMENTE FINANZIATORE: IEMEST, Italia; Università di Milano Bicocca, Italia.

OBIETTIVI GENERALI: L'obiettivo generale di questo progetto è quello di immettere nel mercato nuovi composti sintetizzati dai ricercatori IEMEST con dimostrata attività antibatterica "in vitro" nei confronti di patogeni Gram-positivi e Gram-negativi di recente isolamento clinico sia sensibili che antibiotico-resistenti.

RISULTATI ATTESI: Il risultato atteso al termine dello studio proposto consiste nell'aver commercializzato: i) una serie di composti analoghi del linezolid con un'affinità specifica per la regione 23S ribosomiale; ii) una serie di analoghi strutturali dei fluorochinoloni capaci di inibire le DNA-girasi e la Topoisomerasi IV. Inoltre, ci si attende che, come conseguenza della progettazione molecolare, i nuovi composti sintetizzati abbiano un'attività quantomeno paragonabile, se non superiore, a quella di antibiotici attualmente in uso clinico offrendo ulteriori alternative per la soluzione del problema della farmaco-resistenza di patogeni Gram-positivi e Gram-negativi.

PARTNERS: Università di Palermo, Italia; Università di Milano Bicocca, Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: Lo IEMEST ha finanziato, di concerto con l’Università di Milano Bicocca, l’attività brevettuale di nuove molecole attive contro batteri multi-resistenti, consentendo la sottomissione di due brevetti (italiano e americano) al vaglio dei competenti uffici nazionali. Lo IEMEST sta attualmente lavorando alla commercializzazione del brevetto.

 

 

 ELIDI (Epigenetics of Liver Diseases) 

ELIDIENTI FINANZIATORI: IEMEST, Italia, Ministero della Salute, Italia; Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, Italia.

OBIETTIVI GENERALI: Lo scopo del progetto è di sviluppare nuovi marcatori epigenetici diagnostici e modelli murini per le malattie del fegato. L'epatocarcinoma è uno dei cancri più diffusi a livello mondiale. La prevenzione e la riduzione del rischio sono importanti e l'identificazione di specifici biomarcatori per la diagnosi precoce dell'epatocarcinoma rappresenta un settore di ricerca molto attivo. Sempre più evidenze sperimentali indicano che l'accumulo di grasso nel fegato, e la steatoepatite, sono forti e indipendenti fattori di rischio per l'insorgenza dell'epatocarcinoma. MacroH2A1, un istone generalmente associato alle regioni trascrizionalmente inattive dei cromosomi, è coinvolto nel metabolismo epatico dei lipidi ed è presente sotto forma di due isoforme risultanti da splicing alternativo, macroH2A1.1 e macroH2A1.2. Queste isoforme sono state correlate alla prevenzione della ricadute del cancro al polmone e al colon, ma il loro ruolo nell'epatocarcinoma e nelle malattie risultanti da un accumulo di grasso nel fegato è sconosciuto. In questo progetto, utilizzeremo cellule immortalizzate, epatociti primari, biopsie umane e modelli murini, con approcci genetici, genomici, biochimici e morfologici per rispondere a questa domanda.

RISULTATI ATTESI: Sviluppo di modelli murini innovativi per studiare la progressione da steatosi epatica, un semplice e inoffensivo accumulo di grassi nel fegato, a steatoepatite infiammatoria, fibrosi, cirrosi, e epatocarcinoma. Sviluppo di un marcatore diagnostico e prognostico istologico nell'uomo per le suddette malattie epatiche.

PARTNERS: University College London, UK; IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza", San Giovanni Rotondo (FG), Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: Lo IEMEST, tramite le sue forti radici nel territorio e contatti con Università e strutture ospedaliere, contribuisce al reclutamento dei campioni oggetti dello studio e mette a punto le analisi immunomorfologiche più appropriate per determinare il danno epatico.

 

 

 SIAHE (Silybin as Hepatoprotectant) 

SIAHEENTE FINANZIATORE: Istituto Biochimico Italiano “Lorenzini”, Italia

OBIETTIVI GENERALI: Il progetto si propone di valutare i meccanismi molecolari alla base degli effetti epatoprotettivi della silibina. In particolare verrà valutata l’efficacia di tale sostanza in un modello in vitro di steatosi epatica. A tale scopo metteremo in coltura una linea cellulare continua di epatociti (HepG2). Le cellule verranno trattate con diverse concentrazioni di acidi oleico e palmitico (0,5-2,5 mM) in presenza ed in assenza di silibina. Le cellule saranno raccolte a diversi intervalli di tempo per valutare l’ effetto della silibina sulla risposta infiammatoria e sullo stress ossidativo. In un secondo set di esperimenti utilizzeremo i medium ottenuti dal precedente esperimento per coltivare delle cellule epatiche stellate, la cui attivazione da parte degli epatociti è responsabile dell’ evoluzione della steatosi epatica in fibrosi e successivamente cirrosi. Gli esperimenti verranno effettuati in parte presso il laboratorio di Biologia avanzata del Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Università degli Studi di Catania dove sono presenti tutti gli strumenti per portare avanti i protocolli sperimentali.

RISULTATI ATTESI: Identificazione dei meccanismi molecolari di deposito di grasso all’interno degli epatociti e dei meccanismi molecolari attraverso i quali la silibina riduce il deposito di grasso. Inoltre i nostri esperimenti permetteranno di identificare i principali meccanismi di cross-talk tra epatociti e cellule epatiche stellate e come la silibina interviene in tale processo.

PARTNERS: Istituto Biochimico Italiano “Lorenzini”, Italia; Università degli Studi di Catania, Italia.

RUOLO DELLO IEMEST: Capofila e coordinatore del progetto. Lo IEMEST metterà a punto i protocolli di trattamento in vitro per valutare il profilo farmacologico e tossicologico della silibina. Lo IEMEST sarà inoltre coinvolto nei protocolli dedicati all’imaging, al disegno delle sonde per la valutazione dell’ infiammazione e dello stress ossidativo e l’analisi statistica di tutti i risultati ottenuti.

 

 

 RECORDS (Rethinking Cord-based Solutions) 

RECORDSENTI FINANZIATORI: IEMEST, Italia; Auxocell Laboratories Inc., USA; Stemcell Newtech Scientific, Cyprus.

OBIETTIVI GENERALI: Il cordone ombelicale è una formazione extraembrionale essenziale per la vita fetale, i cui usi potenziali dopo la nascita sono studiati da diversi gruppi nel mondo per le applicazioni di medicina rigenerativa. L’utilizzo ed il bancaggio dei precursori ematopoietici contenuti nel sangue cordonale costituiscono una realtà supportata da banche del sangue pubbliche e private. L’utilizzo delle altre cellule presenti nella matrice dell’organo, che hanno caratteristiche delle cellule staminali mesenchimali, potrebbe aprire nuove strade nella terapia cellulare di innumerevoli patologie non ematologiche. Le cellule cordonali (che sono prive di limitazioni etiche) possono essere facilmente ottenute dall’organo dopo il parto, possono essere coltivate ex vivo, possono differenziare in cellule di diversi organi e tessuti maturi (fegato, pancreas, polmone, osso, cartilagine), presentano caratteristiche favorevoli al trapianto come la bassa immunogenicità. Inoltre, presso alcune banche private è già possibile isolare e conservare senza manipolazioni tali cellule, in parallelo al sangue cordonale, per utilizzi autologhi futuri. Lo scopo del progetto è quello di incrementare le possibilità date da tali cellule, studiandone sia protocolli di isolamento compatibili con la conservazione ad uso clinico, che protocolli di differenziamento per l’utilizzo in terapia cellulare per la cura di patologie quali la fibrosi epatica, il diabete, le patologie osteoarticolari. In particolare lavoriamo con cellule derivate da cordoni di ogni età gestazionale (anche prematuri) per la messa a punto di condizioni colturali e di differenziamento secondo le procedure GMP, oltre a caratterizzare le popolazioni differenziate anche con l’utilizzo di opportuni modelli in vivo. Le grandi potenzialità delle cellule staminali perinatali necessitano di studi avanzati per potere essere rivelate appieno, e per potere ripensare i nuovi usi del cordone ombelicale, che continua a dare la vita, anche dopo la nascita.

RISULTATI ATTESI: Sviluppo di modelli in vitro ed in vivo innovativi per studiare il differenziamento delle cellule cordonali e l’utilizzo in terapia cellulare, nonché approfondire le caratteristiche immunologiche di tali cellule per limitare l’uso di terapie immunosoppressive post-trapianto.

PARTNERS: ISMETT-UPMC e RIMED, Italia; UTMB, Galveston (TX), USA.

RUOLO DELLO IEMEST: Lo IEMEST ha permesso di fare da collante tra le realtà pubbliche e private, nazionali ed internazionali, che nelle diverse fasi contribuiscono alla realizzazione delle diverse fasi del progetto. Inoltre offre laboratori che permettono l’esecuzione di complesse metodiche analitiche necessarie alla valutazione fenotipica delle cellule differenziate.

 

 

 CRiT2DiP (Novel Markers of Cardiovascular Risk in Type II Diabetes Patients) 

CRiT2DiPENTI FINANZIATORI: NovoNordisk s.p.a. Italia; IEMEST, Italia

OBIETTIVI GENERALI: Lo scopo del progetto è di identificare nuovi marcatori di rischio cardiovascolare, particolarmente nei soggetti con diabete di tipo-2. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morbilità e mortalità nel nostro paese, e pertanto il precoce riconoscimento di soggetti ad alto rischio può essere in grado di attuare in tempi idonei i provvedimenti necessari a ridurre il rischio di eventi futuri. Infatti, gli eventi cardiovascolari non sono altro che l’espressione finale di un processo (la patologia aterosclerotica) che dura per anni, anche per decenni, e il più delle volte in maniera assolutamente silente. E’ quindi di grande utilità potere individuare i soggetti ad alto rischio cardiovascolare in modo di anticipare e migliorare l’intervento terapeutico per una corretta prevenzione. Queste problematiche sanitarie assumono un particolare rilievo nei soggetti con diabete di tipo-2. In questo progetto sono valutati dei marcatori di rischio cardiovascolare innovatici ed emergenti per i pazienti con diabete di tipo-2, per una migliore gestione della patologia e per attuare una migliore prevenzione di complicanze future.

RISULTATI ATTESI: Identificazione di nuovi markers di rischio cardiovascolare, che potranno contribuire alla prevenzione e alla gestione clinica dei pazienti ad alto rischio cardiovascolare, come quelli con diabete di tipo-2.

PARTNERS: University of South Carolina, USA; University College of London, U.K.

RUOLO DELLO IEMEST: Lo IEMEST, tramite le sue forti radici nel territorio e contatti con Università e strutture ospedaliere, contribuisce al reclutamento dei campioni oggetto dello studio e mette a punto le analisi biochimiche più appropriate.

5x1000

5x1000

Lavora con noi

News

 

 

***

15 giugno

PROROGA DEL TERMINE DI SCADENZA (14/07/2017) - AVVISO PUBBLICO PER LA RICERCA DI SPONSOR PER UN PROGETTO DI RICERCA
Progetto P.I.P.A.C. “Nuovi Percorsi Integrati per il paziente con Psoriasi/Artrite psoriasica e Comorbidità - Valutazione dell’indice di gradimento"

 

***

12 giugno

BANDO DI CONCORSO PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI UNA BORSA DI STUDIO PER GIOVANI RICERCATORI DAL TITOLO: "SPERIMENTAZIONE DI TRATTAMENTI ANTIBATTERICI SU SUBSTRATI METALLICI”

- Domanda di partecipazione

 

***

9 maggio

Siamo lieti di invitarVi al FERNANDEZ OPEN STUDIO, un evento promosso da YO.CO.CU. nell'ambito della manifestazione Settimana delle Culture 2017 in collaborazione con la Soprintendenza Archivistica della Sicilia e Archivio di Stato di Palermo, con il Patrocinio dell'Ordine degli Architetti della Provincia di Palermo, dell'Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia I.E.ME.S.T. e dell'Accademia di Belle Arti Kandinskij di Trapani. continua a leggere...

 

***

2 maggio

NanoWord Conference 2017, Boston: premiato un ricercatore I.E.ME.S.T. sul tema del contributo delle nanotecnologie per la sostenibilità dell’architettura. continua a leggere...

 

***

28 aprile

AVVISO PUBBLICO PER LA RICERCA DI SPONSOR PER UN PROGETTO DI RICERCA
Progetto P.I.P.A.C. “Nuovi Percorsi Integrati per il paziente con Psoriasi/Artrite psoriasica e Comorbidità - Valutazione dell’indice di gradimento"

 

***

16 marzo

Lo IEMEST raggiunge nuovi traguardi:
https://www.goinginternational.eu/wp/de/the-euro-mediterranean-institute-of-science-and-technology-iemest-reaches-new-heights/

 

***

1 marzo

Una nuova scoperta, pubblicata sulla rivista internazionale “Journal of Proteome Research”, è stata realizzata nell’ambito di un progetto di ricerca che comprende ricercatori del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e dell’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (I.E.ME.S.T.). continua a leggere...

 

***

9 febbraio

Bando di Concorso per titoli per il conferimento di un premio di Ricerca per Giovani Ricercatori dal Titolo: "Sperimentazione di trattamenti conservativi innovativi basati su nanotecnologie per la protezione di materiali lapidei naturali" continua a leggere...

 

***

30 novembre

Un team di lavoro internazionale comprendente ricercatori dell’Università degli Studi di Palermo e dello IEMEST insieme con ricercatori polacchi (Medical University of Gdansk) e americani (University of Maryland) ha dimostrato un nuovo meccanismo di azione del chemioterapico doxorubicina in vitro. continua a leggere...

 

***

27 settembre

Ricerca anticancro: ricercatori palermitani partecipano alla scoperta di un chemioterapico che blocca le cellule tumorali.
In uno studio pubblicato da poco sulla rivista internazionale "Epigenetics", alcuni ricercatori dell'Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (Manlio Vinciguerra, Francesca Rappa e Francesco Cappello), in collaborazione con scienziati italiani, inglesi, spagnoli, estoni, cechi e statunitensi, hanno dimostrato gli effetti e l’efficacia della guadecitabina, un chemioterapico, utile nel prevenire la progressione dell’epatocarcinoma, sia in vitro tramite l’utilizzo di modelli cellulari che in vivo tramite l’utilizzo di modelli murini. Lo studio è stato coordinato da Manlio Vinciguerra, mentre Francesca Rappa e Francesco Cappello hanno condotto i test e le valutazioni morfologiche. continua a leggere...

 

***

05 settembre

Importante risultato editoriale per ricercatori IEMEST
Antonio Palumbo Piccionello e Francesco Cappello hanno ricoperto il ruolo di Guest Editors per la prestigiosa rivista internazionale Current Pharmaceutical Design, curando la pubblicazione di un fascicolo speciale sulle prospettive future della terapia del morbo di Alzheimer. continua a leggere.....

 

***

28 luglio

CARDIO-METABOLIC DISORDERS: 1ST IEMEST MEETING

 

***

13 july

Sicilia-California: allo Iemest di Palermo partono gli incontri bilaterali di scambio
Incontri d’affari, workshop, incontri bilaterali mirati a obiettivi di cooperazione e promozione del territorio siciliano sia sul piano delle risorse scientifiche che sul piano dello sviluppo delle imprese. Questi gli obiettivi principali della giornata Sicilia-California organizzata, la mattina di mercoledì 13 luglio 2016, alle ore 11,00, presso lo Iemest di Palermo (via Michele Miraglia, 20). continua a leggere.....

 

***

18 maggio

Dal 18 maggio 2016 l’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (I.E.ME.S.T.), presieduto dal Prof. Bartolomeo Sammartino, ospiterà per due settimane un gruppo di studenti di Medicina della prestigiosa Università americana di Houston (UH) in Texas. continua a leggere.....

 

***

14 aprile

Il progetto presentato da un gruppo di ricercatori dello IEMEST
(Principal Investigator: Filippo Macaluso; altri partecipanti: Kathy Myburgh, Valentina Di Felice, Fedele Termini, Antonella Marino Gammazza, Claudia Campanella, Rosario Barone e Maura Marino Gammazza) è stato selezionato per il bando Erasmus+ SPORT - Not-For-Profit European Sport Events. continua a leggere.....

 

***

3 febbraio

Una ricerca sul muscolo scheletrico pubblicata su Nature “Scientific Reports”.
Pubblicati sulla rivista “Scientific Reports” (gruppo editoriale “Nature”) i risultati di uno studio sull’anatomia molecolare del muscolo scheletrico condotto da un gruppo di ricercatori dello IEMEST coordinato da Valentina Di Felice (primo nome: Rosario Barone) con la partecipazione del gruppo del Prof. Sergio Adamo dell’Università di Roma “La Sapienza”. continua a leggere.....

 

***

18 gennaio

Una nostra ricerca dimostra un nuovo meccanismo per combattere il cancro al fegato.
Un team di lavoro internazionale comprendente ricercatori IEMEST oltre a colleghi inglesi (University College of London, Queen Mary University of London e Nottingham Trent University), olandesi (University Medical Center of Groningen), estoni (Tallin University of Technology), australiani (University of Sidney) e spagnoli (Campus Can Ruti), ha dimostrato per la prima volta un meccanismo attraverso il quale uno dei tumori più aggressivi del fegato (il carcinoma epatocellulare) è in grado di “difendersi” dalla chemioterapia. continua a leggere.....

 

***

30 dicembre

RICERCATORI IEMEST SPIEGANO IN UNA PUBBLICAZIONE UNO DEI MECCANISMI DI AZIONE DI UN CHEMIOTERAPICO
Ricercatori dello IEMEST, guidati dalla Dr.ssa Claudia Campanella, leader della Sezione di Studi su micro- e nanovescicole come biomarkers, hanno dimostrato per la prima volta uno dei meccanismi di azione di un noto farmaco antitumorale, il SAHA (suberoylanilide hydroxamic acid). Questo meccanismo prevede la nitrazione della proteina mitocondriale HSP60 che, a seguito di ciò, viene rilasciata dalle cellule tumorali. L'HSP60 in genere protegge le cellule tumorali dallo stress. La sua secrezione attraverso gli esosomi da un canto favorisce la morte delle cellule tumorali, dall'altro attiva una risposta immune antitumorale. Il lavoro è stato pubblicato questo mese sulla rivista ONCOTARGET (Impact factor: 6,359): http://www.impactjournals.com/oncotarget/

 

***

12 novembre

Il 13 e il 14 Novembre, nell’ambito del convegno: “Scienza nell’Antico / Scienza per l’Antico. Dal sapere scientifico in età ellenistica all’archeologia virtuale” organizzato dalla Regione Siciliana, il ricercatore IEMEST Francesco Di Paola relazionerà sul caso studio de “Il Tesoro degli Argenti di Morgantina”, continua a leggere....

 

***

4 novembre

I ricercatori IEMEST Filippo Macaluso, Kathy Myburgh e Giosuè Lo Bosco hanno vinto la seconda call del progetto MYGEOSS per applicazioni innovative nel settore ambientale e sociale.
I nostri ricercatori hanno proposto l'app "eQUOS" (Environment Quality for Outdoor Sports - qualità dell'ambiente per gli sport all'aperto): utilizzando degli open database sul monitoraggio dell'ambiente, eQUOS suggerirà all'utente se eseguire uno specifico sport all'aperto in una determinata area geografica sulla base della qualità dell'ambiente, ossia clima, acqua, zone costiere, e composizione atmosferica. Per ulteriori informazioni, visitare il sito: http://digitalearthlab.jrc.ec.europa.eu/mygeoss/results2.cfm

 

***

30 settembre

Il Direttore dell’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia nella lista dei Top Italian Scientists.
Il prof. Francesco Cappello, Direttore dell'Istituto, è entrato nella classifica della top italian scientist elaborata dalla "VIA-Academy". Tale classifica comprende scienziati italiani di tutte le discipline (scientifiche ed umanistiche) operanti in italia e nel mondo. La classifica è stilata sulla base dell'h-index, l'indice che misura sia il numero delle pubblicazioni internazionali, sia il loro impatto sulla comunità scientifica internazionale valutato sul numero delle citazioni bibliografiche. L'elenco completo dei ricercatori inclusi nella Top Italian Scientist List è consultabile presso: http://www.topitalianscientists.org

 

***

4 novembre

I ricercatori IEMEST Filippo Macaluso, Kathy Myburgh e Giosuè Lo Bosco hanno vinto la seconda call del progetto MYGEOSS per applicazioni innovative nel settore ambientale e sociale.
I nostri ricercatori hanno proposto l'app "eQUOS" (Environment Quality for Outdoor Sports - qualità dell'ambiente per gli sport all'aperto): utilizzando degli open database sul monitoraggio dell'ambiente, eQUOS suggerirà all'utente se eseguire uno specifico sport all'aperto in una determinata area geografica sulla base della qualità dell'ambiente, ossia clima, acqua, zone costiere, e composizione atmosferica. Per ulteriori informazioni, visitare il sito: http://digitalearthlab.jrc.ec.europa.eu/mygeoss/results2.cfm

 

***

29 settembre

L'Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (I.E.ME.S.T.) propone uno stage presso l'istituto finalizzato alla realizzazione di un sistema software a supporto dello studio della patogenesi dell'emiplegia alternante dell'infanzia, una malattia neurologica invalidante la cui patogenesi è poco conosciuta. Tale studio è frutto dell'adesione dello I.E.ME.S.T al consorzio internazionale IAHCRC (International Consortium for the Research on Alternating Hemiplegia of Childhood). L’emiplegia alternante dell'infanzia è una delle molte malattie rare neurologiche il cui costo per la ricerca e per il sostegno alle famiglie viene comunemente sostenuto da associazioni specifiche, quali ad esempio l'IAHCRC, oppure attraverso il lavoro volontario e le donazioni di privati cittadini. Per inviare la propria candidatura, inviare una email col proprio c.v. a direzionegenerale@iemest.eu

 

***

29 luglio

Uno studio condotto da ricercatori IEMEST svela un possibile legame tra lipoproteine e asma
Uno studio condotto dai gruppi di ricerca dei Prof. Scichilone e Rizzo, ricercatori IEMEST, ha consentito di dimostrare per la prima volta che in soggetti asmatici le lipoproteine LDL meno pro-infiammatorie (LDL-1 e LDL-2) appaiono ridotte mentre le pro-infiammatorie (LDL-3 e LDL-4) sono elevate, rispetto ai controlli sani. Inoltre, le concentrazioni sieriche di LDL-1 (meno pro-infiammatoria) correlano positivamente con la funzione polmonare, mentre le concentrazioni sieriche di LDL-3 (pro-infiammatorie) sono inversamente associate con la funzione polmonare. Questi risultati suggeriscono che le LDL possano costituire un potente agente innescante le alterazioni infiammatorie delle vie respiratorie.

 

***

13 luglio

Uno studio correla l'obesità associata a resistenza insulinica all'Alzheimer
Due ricercatori IEMEST sono coautori di uno studio effettuato assieme a ricercatori del C.N.R. di Palermo, pubblicato su "Current Alzheimer Research" che correla la resistenza insulinica che si sviluppa in alcuni soggetti obesi con lo sviluppo della malattia di Alzheimer. In particolare, la resistenza insulinica determina, tra le altre cose, stress ossidativo e disfunzione mitocondriale nei neuroni delle cavie sottoposte a una dieta ad alto contenuto lipidico e questo porta a danni precoci patognomonici per la malattia di Alzheimer. Una terapia del dismetabolismo, quindi, può prevenire lo sviluppo di questa grave malattia neurodegenerativa in questa sottopopolazione di soggetti. Parte del lavoro è stato svolto adoperando le apparecchiature del Laboratorio di Neuroanatomia finanziato con fondi PON ‘Ricerca e Competitività’ 2007-2013, misura 4.1.1.4.
Per leggere il lavoro: qui

 

***

06 luglio

Un nuovo biomarker per il carcinoma del colon e del retto
Un gruppo di ricercatori dello IEMEST, coordinati dal prof. Francesco Cappello, ha pubblicato sulla rivista “CANCER” (l’organo ufficiale dell’American Cancer Society) un lavoro su un nuovo marker per la diagnosi e il follow-up dei pazienti affetti da carcinoma del colon e del retto. In questo lavoro viene mostrato che una proteina da stress (Hsp60) legata agli esosomi (vescicole secrete dalle cellule tumorali) è presente a livelli molto elevati nei pazienti che si sottopongono all’intervento e che i livelli della stessa si riducono drasticamente una settimana dopo l’intervento. Questo rende la ricerca dell’Hsp60 esosomale uno strumento per la diagnosi e il follow-up di questo cancro. Il lavoro è stato condotto in collaborazione con ricercatori dell’Università di Palermo, dell’Istituto Superiore di Sanità di Roma e dell’Università del Maryland di Baltimora, USA.
L'articolo è accessibile on-line: qui

 

***

03 giugno

Presso l’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia un centro per lo studio delle chaperonopatie del sistema nervoso.
Il sistema degli chaperoni molecolari partecipa allo sviluppo, al funzionamento, alla protezione e alla riparazione dei danni del sistema nervoso, dal momento del concepimento fino alla vecchiaia. Continua a leggere qui.

 

***

25 maggio

Giuseppe Venturella invitato a relazionare un congresso sul ciliegio selvatico a Chiusa Sclafani (Palermo)
Giorno 13 giugno 2015, in Piazza Castello a Chiusa Sclafani (Palermo), nell'ambito della 46 Sagra delle Ciliegie, si terrà un convegno sul Ciliegio, il Prof. Giuseppe Venturella, ordinario di Botanica Forestale e Micologia e Responsabile della Sezione di Botanica ambientale e micologia applicate agli ecosistemi agrari e forestali dello IEMEST, presenterà una relazione su "Aspetti botanici, ecologici e distributivi del Ciliegio selvatico"

 

***

21 maggio

Un giovane ricercatore dell'Istituto è stato premiato per una ricerca sul diabete e le malattie del fegato.
Il Dott. Angelo Maria Patti, componente della Sezione di Aterosclerosi, Diabete e Prevenzione Cardiovascolare diretta dal Prof. Manfredi Rizzo, è uno dei quattro vincitori della 1° borsa di studio in memoria di Carmelo Schembari. Il Dr. Patti è stato premiato per la sua attività di ricerca sugli effetti metabolici dei nutraceutici in pazienti con diabete di tipo 2 e steatosi epatica.

 

***

20 maggio

Un autorevole “Position Paper” sulle funzioni fisiologiche delle vescicole extracellulari.
Francesco Cappello, componente del Management Committee della COST action ME-HAD, è tra gli autori dell’importante lavoro sul ruolo fisiologico delle microvescicole e sugli esosomi. L’attenzione verso questo tema di ricerca è crescente anche a seguito della scoperta che queste vescicole possono essere prelevate da tutti i fluidi biologici umani (come ad esempio sangue, urina, saliva, etc.) e possono essere usati non solo come markers diagnostici e prognostici ma anche come strumenti terapeutici di diverse malattie dell’uomo, come il cancro, le malattie cardiovascolari e quelle infiammatorie croniche. Lo studio, pubblicato sul Journal of Extracellular Vesicles, può essere letto on-line cliccando qui.

 

***

19 maggio

Un ormone come potenziale agente anticancro.
Due ricercatori IEMEST, Antonella Marino Gammazza e Francesco Cappello, hanno preso parte ad uno studio condotto con colleghi delle Università di Gdansk e di Rzeszow, Polonia, che ha mostrato l’attività antitumorale del 2-Methoxyestradiolo, un metabolita fisiologico dell’estradiolo, un estrogeno prodotto dalle ovaie. Questo ormone si è dimostrato in grado di arrestare il ciclo cellulare delle cellule tumorali e indurne la morte cellulare programmata (apoptosi). Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Oncotarget. Il lavoro può essere letto on-line cliccando qui.

 

***

18 maggio

Ricercatori IEMEST partecipano ad uno studio sulle alterazioni del metabolismo glicidico.
La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Cell Physiology e ha riguardato gli effetti del “glucagon like peptide-2” (GLP-2) sul metabolismo di cavie trattate con una dieta iperlipidica. Il GLP-2 agisce come fattore protettivo contro l’alterazione del metabolismo del glucosio. Il lavoro può essere letto on-line cliccando qui. Hanno partecipato Francesca Rappa e Francesco Cappello.

 

***

 

Un ricercatore dell’Istituto EuroMediterraneo di Scienza e Tecnologia nella Top Italian Scientist. Il Prof. Manfredi Rizzo, Direttore del Dipartimento della Salute della Popolazione, Nutraceutica e Biomarkers....continua a leggere

***

 

Il prof. Francesco Cappello parteciperà come Invited Speaker al meeting "Experimental Biology 2015", che si terrà dal 27 marzo all'1 aprile a Boston, con una relazione dal titolo "Role of chaperones in healthy bowel and IBD"

***

 

ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA IL DIPARTIMENTO DELLA PESCA MEDITERRANEA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA E L'ISTITUTO EURO-MEDITERRANEO DI SCIENZA E TECNOLOGIA (IEMEST) PER LA REALIZZAZIONE DEL CLUSTER BIOMEDITERRANEO IN ATTUAZIONE DELLA CONVENZIONE TRA EXPO 2015 SpA E REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO AGRICOLTURA, SVILUPPO RURALE E PESCA MEDITERRANEA

***

 

PROGETTO CYBER BRAIN: PRIMA PUBBLICAZIONE SU RIVISTA “NATURE” Una ricerca del Dipartimento di Medicina d’avanguardia e Neuroscienze dell’Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia (IEMEST) è stata pubblicata il 24 marzo sulla rivista internazionale del gruppo Nature “Scientific Reports”. La Dr.ssa Antonella Marino Gammazza, principal investigator dello studio, racconta.....continua a leggere

***

 

Francesco Cappello, Direttore dello IEMEST, ha ricevuto la nomina a Adjunct Associate Professor alla Temple University College of Science and Technology, Department of Biology, Philadelphia, USA. Il riconoscimento porterà allo sviluppo di nuove forme di collaborazione tra le due istituzioni nel campo della biomedicina.

***

 

Un ricercatore dell’Istituto EuroMediterraneo di Scienza e Tecnologia nella Top Italian Scientist. Il Prof. Giovanni Li Volti, Direttore del Dipartimento di Biologia dello Stress, Epigenetica, Sport e Salute....continua a leggere

***

 

BANDO DI CONCORSO PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI UNA BORSA PER ADDESTRAMENTO ALL’ATTIVITA’ DI RICERCA SU UN PROGETTO DAL TITOLO:
“Isolamento di miceli e preparazione di estratti da macrofunghi di interesse alimentare, medicinale e commerciale finalizzato alla costituzione di una spore bank e di una spawn bank”

Scarica il bando - Scarica la domanda

***

 

Alberto JL Macario: <<Lo IEMEST luogo d’eccellenza dove poter fare ricerca e promuovere lo sviluppo economico ed intellettuale>>.

http://palermo.sudpress.it/_/stress-e-proteine-intervista-ad-alberto-macario/

 

***

 

***

1st Edition of the Master INNOVA - SEAV Training
link al video

 

***

Aggiudicazione definitiva POS DATA

Scarica il documento

 

***

Aggiudicazione definitiva ECOSISTEMI

Scarica il documento

 

***

Aggiudicazione definitiva Nikon Instruments S.p.A.

Scarica il documento

 

 ***

 

Aggiudicazione definitiva BECTON

Scarica il documento

 

***

CONVEGNO "INFORMIAMO LE PMI"

Sabato 29 marzo alle 10.30 al Castello Chiaramonte, in piazza Cavour a Favara il presidente, prof. Bartolo Sammartino illustrerà le importanti novità offerte da “Horizon 2020”, il più ricco programma per l'innovazione e la ricerca mai messo in campo dall'Ue, che nel periodo 2014-2020 distribuirà finanziamenti per oltre 70 miliardi di euro.

link alla notizia

***

PRESTIGIOSO PREMIO CONFERITO AL RICERCATORE IEMEST MAURO PESSIA

Lo scorso sabato 22 marzo 2014, è stato conferito il premio Telethon a Mauro Pessia, ricercatore in forza al nostro Istituto, per la sua attività di ricercatore condotta sia in Italia (presso l’istituto Mario Negri) che all’estero (in particolare presso il Vollum Institute for Advanced Biomedical Research). Il premio di oggi si pone in linea di continuità con il prestigioso riconoscimento di "Principale Successo della Ricerca Telethon" conferito al Prof. Pessia nel 1998. Gli studi del Prof. Pessia vertono sulle canalopatie e sui processi neurofisiologici regolati dai canali ionici.

***

UNO STUDIO IN COLLABORAZIONE CON LA NASA SULLE MALATTIE RESPIRATORIE

Presentato allo Steri, lo scorso 13 marzo 2014, nel corso del secondo meeting “Galveston -Palermo”, il progetto che ricercatori dell’Università di Palermo e dell'Istituto Euro-Mediterraneo di Scienza e Tecnologia, assieme ad altri partner europei, americani e australiani, stanno portando avanti assieme alla National Aeronautics and Space Administration (NASA) di Houston.
Questo progetto sarà portato avanti a Palermo da un gruppo di giovani ricercatori capitanati dal Prof. Fabio Bucchieri. Il progetto riguarda lo studio del differenziamento della mucosa bronchiale in condizioni di microgravità e di assenza di gravità e i risultati che saranno conseguiti avranno importanti ricadute nella comprensione dell’insorgenza delle malattie respiratorie nonché nella loro terapia.

***

 

PROGETTO CYBER BRAIN AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA LAVORI

Scarica il documento

 

***

 

Aggiudicazione definitiva LEICA

Scarica il documento

 

 

Secondo Meeting Galveston e Palermo

***

 

 

Aggiudicazione definitiva POLYMED

Scarica documento

***

 

REGOLAMENTO SERVIZI FORNITURE IN ECONOMIA CYBER BRAIN

Scarica il regolamento

 

***

 

BANDO DI CONCORSO PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI UN PREMIO DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI DAL TITOLO: “SFIDE SOCIALI NELL’AMBITO DELLA SALUTE DELL’UOMO”

Scarica Bando - Scarica Domanda di partecipazione

 

***

 

Life Safety and Security (LiSS), la rivista scientifica open access dello IEMEST, è stata presentata da Going International nella sezione "Special of the month".
Leggi l'articolo: http://www.goinginternational.eu/wp/de/?p=2715

 

***

 

 

PROGETTO CYBER BRAIN
AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA AHSI

 

***

 

 

Tirocini NEET:
le Vacancies per Biologo e Biotecnologo pubblicate in data 19/09/2013 sono state ritirate per ragioni tecniche.
In futuro potranno essere pubblicati nuove Vacancies.

 

***

 

 

Il recente lavoro del gruppo del Prof. A.J.L. Macario: "Chaperonopathies and Chaperonotherapy. Hsp60 as Therapeutic Target in cancer: Potential Benefits and Risks” published in “Curr Pharm Design" (2013 Jan;19:452-457 è stato selezionato per essere pubblicato su World Biomedical Frontiers [ISSN: 2328-0166] per l'elevato contenuto innovativo e il potenziale iimpatto sulla salute dell'uomo. World Biomedical Frontiers è una piattaforma che centra l'attenzione sulla ricerca biomedica d'avanguardia svolta in tutto il mondo e pubblica ogni mese articoli di notevole importanza per migliorare la salute o per prevenire o curare le malattie.

 

 

***

 

A seguito della pubblicazione del bando di gara, da parte del Ministero dell'Energia, dello sviluppo e della Protezione Ambientale, della repubblica Serba, lo IEMEST, in partenariato con Onda Energia e SGI Studio Galli Ingegneria, è affidatario delle attività di progettazione, ricerca ed esecuzione di cinque impianti idroelettrici (per una potenza di 4 MW) in Serbia, ricadenti nei territori di Tutin e Ivanjica.
Il 22 e 23 luglio, il capogruppo, insieme alla Signora Ministro Zorana Mihajlović, ha firmato il protocollo d'intesa, che costituisce il primo passo per l'avvio del progetto.
Maggiori informazioni all'indirizzo:
http://www.merz.gov.rs/lat/aktuelnosti/formirana-konacna-rang-lista-investitora-za-izgradnju-mini-hidroelektrana

***

 

 

Importante studio sulla correlazione tra invecchiamento e malattie epatiche

Il processo dell’invecchiamento predispone a disfunzioni epatiche. Comprendere come l’invecchiamento influenza la patologia molecolare delle malattie epatiche è di fondamentale importanza. Nella review “Liver disease and aging: friends or foes?” pubblicata sul prestigioso giornale Aging Cell, il nostro ricercatore IEMEST Dr. Manlio Vinciguerra, ricercatore anche presso l’University College London, discute le cause del fatto sorprendente che comuni malattie epatiche come la steatosi non alcolica, la steatoepatite non alcolica, la cirrosi e l’epatocarcinoma compaiono con una frequenza inferiore negli individui con più di 70 anni.

Ref: Sheedfar F, Di Biase S, Koonen D, Vinciguerra M. Liver diseases and aging: friends or foes? Aging Cell. 2013 Jul 1. doi: 10.1111/acel.12128. [Epub ahead of print]

***

BANDO DI CONCORSO PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO
DI UN PREMIO DI RICERCA PER GIOVANI RICERCATORI

Bando_premio_di_ricerca_IEMEST_2013.pdf

 

Bando per la selezione di idee e progetti innovativi

CALL FOR PROPOSALS

“WORKING INTELLIGENCE, SPREADING KNOWLEDGE”

versione scaricabile

  

***

Lo IEMEST organizza il corso di I livello di GIS che offre ai suoi iscritti la possibilità di migliorare le competenze di giovani laureati, professionisti e impiegati della pubblica amministrazione circa l'uso delle nuove tecnologie applicate alla gestione dell'informazione geografica digitale in ambiente GIS (Geographical Information System) per la pianificazione del territorio e dell'ambiente.

Locandina informativa

***

IEMEST: A new vision and platform to enhance the progress of research and dissemination of knowledge in natural and social sciences

Published by: Going International Information Services

Article

*** 

 

Iscriviti alla Newsletter

Social Networks

WebMail